Lui, lei e l'altro

Lui, lei e l'altro
Data evento

Lui, lei e l'altro, di Eugene Labiche. Ingresso gratuito per bambini e ragazzi fino a 15 anni. Adulti 5 euro.

 

Lui, lei e l'altro, di Eugene Labiche.

Commedia brillante.

Sabato 28 Gennaio 2017 - 21:00
Ingresso gratuito per bambini e ragazzi fino a 15 anni. Adulti 5 euro.
Presso la Sala Polivalente Vecchio Mulino, Piazza Roma, Nuvolento.
Informazioni: Il Nodo

28.01.17, Lui, lei e l'altro

Le sorprese del Vaudeville

“Lui, lei e l’altro” è un libero adattamento dalla commedia “Il più felice dei tre” di Eugene Labiche. Il lavoro originale viene rappresentato per la prima volta l’11 Gennaio del 1870 a Parigi, al Theatre du Palais-Royale. In questo periodo Eugene Labiche è uno dei maggiori scrittori di vaudeville, con all’attivo, sempre insieme a molti collaboratori, decine di opere scritte per i teatri parigini. Il fatto di dedicarsi esclusivamente ad un teatro leggero non gli impedisce di essere nominato accademico di Francia nel 1880.

Il Vaudeville era il genere teatrale preferito dalla borghesia francese dell’ottocento. Un genere leggero, satirico, pungente, spesso mischiato a pezzi cantati e con esilaranti quanto improbabili colpi di scena, in situazioni complicate e imprevedibili. Labiche fu un maestro di questo genere, sfornando vere e proprie macchine ad orologeria della risata.

Partendo da uno dei suoi lavori più famosi abbiamo creato, insieme agli attori, una commedia sostanzialmente nuova. L’azione è stata trasferita ai primi del novecento, modernizzata e resa attuale. L’immaginario scenografico ottocentesco è stato scarnificato, lasciando solo alcuni elementi iconici essenziali.

Abbiamo lavorato sui personaggi più dal punto di vista psicologico che macchiettistico, concentrandoci in particolare sulla moralità di figure tanto gaglioffe e trasgressive. Ogni attore ha elaborato percorsi morali alternativi, giungendo ad esiti anche molto diversi fra loro, più o meno assolutori. Abbiamo constatato come le scuse che spesso adottiamo nella vita quotidiana, coincidono invariabilmente con quelle utilizzate dai personaggi e che tutti noi, personaggi in commedia e personaggi nella vita, tendiamo costantemente ad autoassolverci, riuscendo a declinare le nostre sfaccettature in una serie sorprendente, ma sempre plausibile, di giustificazioni.

Oggi come allora tutto è incentrato sulla trasgressione delle regole sociali. Messa in opera con maggiori o minori sensi di colpa, agisce da sempre sul pubblico come un catalizzatore di risate, che divengono l’anestetico di chi inconsciamente si riconosce in quello che avviene sul palco. Quello che salva il pubblico da un’identificazione troppo scoperta, è la complessità assurda e improbabile della situazione, che, amplificata a dismisura, tranquillizza il povero spettatore permettendogli di ridere mentre si crogiola nella convinzione di essere nettamente più scaltro, soprattutto moralmente, dei personaggi rappresentati.

Alla fine di questo lavoro abbiamo ovviamente tenuto in commedia quello che ci sembrava più consono ed efficace alla nostra messa in scena e al nostro adattamento, ma abbiamo lasciato traccia dei vari esperimenti in registrazioni che potrete riascoltare, seguendo i link sul programma di sala, come piani sfalsati di una sorta di schizofrenia teatrale.

R. Malesci

Regia: Raffaello Malesci
Scenografia: Mario Bresciani
Costumi: Raffaello Malesci
Trucco e acconciature: Luca Miotto
Consolle tecnica: Fabio Tosato
Tecnico di palcoscenico: Alessandro Viespoli
Segreteria: Federica Ghidini
Ufficio stampa: Serena Signori
Fotografie di scena: Maurizio Balzarini

Personaggi Interpreti:

Alfonso Marjavel: Giuseppe Sacco
Krampach: Fiorenzo Savoldi
Jobelin: Luca Miotto
Ernesto Jobelin: Danilo Furnari
Hermance: Isabella Fossati
Lisbeth: Silvia Pipa
Berta - Petunia: Elisa Benedetti
Kuissermann, tassista: Stefano Maccarinelli

I contenuti sono elencati in ordine cronologico inverso, dai più recenti ai più datata.

Contenuti recenti dell'area Associazioni

  • Contenuto pubblicato il 28.12.2016
    Lui, lei e l'altro, di Eugene Labiche. Ingresso gratuito per bambini e ragazzi fino a 15 anni.…